.
post

19.10.2019 Ed è Storia: l'Italia vera si riprende P.za San Giovanni una delle più grandi e belle di Roma.

contributo inviato da frala il 20 ottobre 2019


E' una folla serena, composta, educata quella che questa volta riempie all'inverosimile Piazza San Giovanni, colmando anche Manzoni e le altre vie limitrofe ed estendendosi sino a Santa Croce in Gerusalemme. Basta con la pretestuosità di false eguaglianze “dell'uno vale uno” che distrugge ogni democrazia, degli scioperi contro il Sole, in nome di falsi diritti che attuati sarebbero l'autodistruzione di ogni società perché a monte hanno concezioni radicalmente antiantropologiche.


Qui in piazza c'è l'Italia vera, quella che si è formata dalla confluenza dei Valori di Roma – Enea che sulle spalle porta con sé l'anziano padre Anchise - e dal suo Diritto – quello repubblicano vero del “Senatus popoplusque Romanorum - con la Cultura greca ed il giudaismo cristiano. A monte dei presenti ci sono finalmente concezioni antropologiche vere, fondate, quelle di secoli di tradizione: la Vita; la Famiglia quella di Papà Mamma e bimbi, dei nonni depositari della storia e delle tradizioni; il Lavoro, quello vero che nobilita l'uomo integrandolo anzitutto nella sua società e nella sua Patria; il Contante, giusta e dovuta retribuzione del 


lavoro contro le Card; l'Europa, quella costruita su questi valori come federazione secondo il concetto di Altiero Spinelli, di Alcide De Gasperi, di Adenauer e Schumann. L'Italia che si riscopre: i sondaggi dell'autorevole “il Sole 24 ore” di oggi parlano del 46% a livello nazionale solo per il duo Lega/FdI. L'Italia che di sé ha sempre più coscienza, niente più maggioranza silenziosa: “se qui ci fosse il PD o i 5Stelle riempirebbero al massimo un angoletto”. Ed è l'Italia tutta, da Nord a Sud, dai ragazzi agli anziani, dai poveri ai ricchi. E non è solo l'Italia: c'è la bandiera di Israele con gl'amici di Netanyahu, quella dell'Ungheria di Orban, anche loro a difesa della Vita, della Famiglia, della Tradizione. Bene i tre 


anfitrioni. Salvini mette al centro la federalità “questa non è una piazza di estremisti ma di italiani” quindi da padrone di casa introduce prima Silvio Berlusconi “un mio amico che ha inventato il Centrodestra (…) il Cavaliere ha vinto tante battaglie e tante ne vincerà” e quindi Giorgia Meloni “una vera combattente per la Libertà”. Infine la chiusa di Salvini stesso: “qui c'è il popolo contro l'élite, la piazza contro il palazzo”. Vere, tra le tante, due considerazioni, una di Luca Zaia “Centrodestra e Centrosinistra sono formule di un'altra era” e l'altra di Silvio Berlusconi “la maggioranza del Paese ci vuole uniti e noi oggi lo eravamo era giusto essere qui oggi, ho fatto bene a venire”.
francesco latteri scholten.

commenti:


inserisci un commento


Registrati ora al Cannocchiale per inviare un commento,oppure registrati direttamente al gruppo per partecipare attivamente con i tuoi articoli e post.
Se sei già registrato, effettua prima il login al cannocchiale o al gruppo.


pRESENTAZIONE                            1076 membri
WEuropa è la community del quotidiano Europa. Qui lettori e blogger possono entrare in contatto tra di loro e con la redazione del giornale. Qui il nostro giornale diventa davvero Democratico. Qui puoi far sentire più forte e direttamente la tua voce.

Il sito di EUROPA                           il blog di EUROPA

Apri il tuo blog WEUROPA            Invia un contributo


temi del mese